Se sei un umano e vedi questo campo, ignoralo.

Per svolgere l'attività di somministrazione alimenti e bevande non ci si iscrive più al REC (Registro Esercenti per il Commercio) in quanto tale registro è stato abrogato dalla legge n. 248 del 4/08/2006 ma occorre essere in possesso dei requisiti professionali e morali sotto indicati e tali requisiti devono essere dimostrati all'ufficio commercio del comune di dove si intende esercitare. 

Attualmente l'attività di somministrazione al pubblico di alimenti e bevande è disciplinata dal decreto Legislativo 26 marzo 2010 n.59, così come modificato dal Dlgs 147/2012 e dalla  legge regionale n. 38/2006.

Per gestire un attività di somministrazione il suddetto decreto legge prevede il possesso dei requisiti professionali e morali di cui all'art. 71. Qui di seguito elenchiamo i requisiti professionali previsti dalla normativa (in alternativa fra loro):

  • aver frequentato con esito positivo un corso professionale per il commercio, la preparazione o la somministrazione degli alimenti, istituito o riconosciuto dalle regioni o dalle Province autonome di Trento e Bolzano (vedere al fondo l'elenco degli enti organizzatori dei corsi in provincia di Torino);
  • aver prestato la propria opera, per almeno due anni, anche non continuativi, nel quinquennio precedente, presso imprese esercenti l’attività nel settore alimentare o nel settore della somministrazione di alimenti e bevande, in qualità di dipendente qualificato, addetto alla vendita o all amministrazione o alla preparazione degli alimenti, in qualità di socio lavoratore o, se trattasi di coniuge, parente o affine entro il terzo grado dell’imprenditore, in qualità di coadiutore familiare, comprovata dall’iscrizione all’Istituto nazionale previdenza sociale (INPS);
  • essere in possesso di un diploma di scuola secondaria superiore o di laurea, anche triennale, o di altra scuola ad indirizzo professionale, almeno triennale, purché nel corso di studi siano previste materie attinenti al commercio, alla preparazione o alla somministrazione degli alimenti. 

En.F.A.P. Piemonte opera in convenzione con la Regione Piemonte, per la gestione dei corsi di formazione professionale per l’accesso e l’esercizio dell’attività di somministrazione di alimenti e bevande e per l’accesso all’esercizio del commercio relativamente al settore merceologico alimentare ai sensi della L.R. 38/2006 e s.m.i. articolo 5 e della L.R. 28/1999 e s.m.i. articolo 17.

Formazione obbligatoria di accesso

Il percorso formativo, previo superamento dell’esame finale di idoneità presso la CCIAA competente, abilita all'accesso e all'esercizio dell'attività di somministrazione di alimenti e bevande e all'accesso all'esercizio in qualsiasi forma di un’attività di commercio relativamente al settore merceologico alimentare.

Il percorso della durata complessiva di 104 ore, comprensivo di esame finale, prevede le seguenti Unità formative:

  • Sicurezza alimentare (15 ore).
  • Norme legislative (30 ore)
  • Nozioni di merceologia (15 ore)
  • Gestione e organizzazione dell'attività di vendita/somministrazione (10 ore)
  • Gestione ed organizzazione dell'attività di preparazione e somministrazione (15 ore)
  • Norme igienico sanitarie su preparazione, somministrazione e commercio (15 ore)
  • Esame finale (4 ore)

Al termine del corso, l’aspirante esercente è tenuto a sostenere un esame finale presso la C.C.I.A.A. territorialmente competente, e solo in caso di esito positivo, all’interessato viene rilasciato dalla Provincia un attestato di idoneità.

Il costo è stabilito dalla Regione Piemonte in € 550,00 (i.i.) esclusa l’eventuale riproduzione cartacea del libro di testo, del diritto di segreteria per l’iscrizione all’esame stabilito dalla CCIAA e di una marca da bollo.

Elenco corsi

Formazione obbligatoria di aggiornamento

Il corso obbligatorio di aggiornamento per operatori in attività nel comparto della somministrazione al pubblico di alimenti e bevande, valido per ciascun triennio, ha una durata complessiva di 16 ore ed ha l’obiettivo di fornire agli allievi elementi di aggiornamento e di approfondimento sui contenuti in materia di igiene, sanità e sicurezza attraverso un aggiornamento sulle norme in materia di attività di somministrazione di alimenti e bevande, in ottemperanza a quanto previsto dalla L.R. 38/2006 e s.m.i. art. 5 commi 3 e 4 e dalla .D.G.R. del 21/12/2009 103-12937. 

Le modalità formative prevedranno l’alternanza tra momenti di formazione frontale e momenti di esercitazioni pratiche, studi di caso e simulazioni per consentire agli allievi azioni di confronto diretto non solo con i docenti e con il gruppo aula.

Il corso è ripartito in 3 moduli di:

  • igiene/sanità (8 ore);
  • sicurezza (4 ore);
  • approfondimenti e aggiornamenti in materia di igiene, sanità e sicurezza (4 ore).

Al termine del corso o di ogni singolo modulo l’ente gestore rilascia un attestato di frequenza.

Il costo è di € 176,00 (i.i.) esclusa l’eventuale riproduzione cartacea del libro di testo.
Il costo è stabilito dalla Regione Piemonte in € 550,00 (i.i.) esclusa l’eventuale riproduzione cartacea del libro di testo, del diritto di segreteria per l’iscrizione all’esame stabilito dalla CCIAA e di una marca da bollo.